SCEGLI IL CINEMA
filtra per filtra per

Sámi Blood

  • Uscita:
  • Durata: 110min.
  • Regia: Amanda Kernell
  • Cast: Lene Cecilia Sparrok, Mia Erika Sparrok, Maj Doris Rimpi, Olle Sarri, Julius Fleischanderl, Hanna Alström, Olle Sarri, Malin Crépin, Hanna Alström, Malin Crépin, Andreas Kundler, Julius Fleischanderl, Andreas Kundler, Lillie Sparrok, Ylva Gustafsson, Ylva Gustafsson, Anne Biret Somby, Anna Sofie Bull Kuhmunen, Anders Berg, Katarina Blind, Tom Kappfjell, Beata Cavallin, Jonar Thomasson, Tom Kappfjell, Anna Sofie Bull Kuhmunen, Lillie Sparrok, Jonar Thomasson
  • Prodotto nel: 2016 da NORDISK FILM PRODUCTION IN CO-PRODUZIONE CON BAUTAFILM AB, DIGIPILOT AS NORDISK FILM PRODUCTION A/S SVERIGE TELEVISION AB
  • Distribuito da: CINECLUB INTERNAZIONALE (2017)

Film non più disponibile nelle sale

TRAMA

La 14enne Elle Marja è una innocente ragazzina della comunità Sámi (lapponi, nativi dell'estremo nord svedese e allevatori di renne) esposta al razzismo coloniale degli anni Trenta e alla certificazione della razza a cui è sottoposta a scuola. Elle Marja sogna però una vita diversa e vuole diventare "svedese". Per riuscirvi, però, dovrà interrompere ogni rapporto con la sua famiglia e con la cultura della sua gente...

Dalla critica

  • Cinematografo

    Le radici affondano troppo in profondità per essere estirpate. Si può scappare, cercare l’oblio e cambiare la propria identità, ma quello della terra natia è un richiamo che non si può ignorare. Urla nel silenzio. Le antiche tradizioni non ci abbandonano mai e continuano a bussare alla porta, anche nella tempesta. Sámi Blood è un cinema che si interroga sul passato, per trovare una risposta ai dubbi del presente. Si apre con un funerale, con una famiglia che si riunisce, ma Catherine si oppone al dolore: la vecchiaia l’ha resa una donna forte, che non vuole tornare indietro. Il flashback dà il via al romanzo di formazione, e si ritorna negli anni Trenta, in una comunità di lapponi che vive ai margini della società. Una quattordicenne rifiuta le imposizioni della famiglia e vuole scoprire il mondo, si ribella per non dover badare a una renna tutti i giorni e consumare così la sua esistenza. Sullo sfondo la selvaggia Svezia, le foreste sterminate; in primo piano il razzismo di chi non sopporta i lapponi, lo sguardo di superiorità di chi è nato alto, biondo e con gli occhi azzurri. In una sequenza sconvolgente, un medico costringe la giovane protagonista a spogliarsi, per studiarla in nome della scienza, per capire quanto misura il cranio o il seno di una piccola lappone. Sámi Blood  accompagna gli spettatori in luoghi estremi e la nostalgia dei tempi passati, seppure difficili, prende il sopravvento. “Giovinezza” significa sfidare l’impossibile per scoprire il paradiso, o l’inferno, oltre il sentiero di casa. Catherine abbatte le barriere e riesce ancora a provare stupore nel quotidiano, perché la vita, nonostante tutto, è degna di essere vissuta. La regia sobria di Amanda Kernell aumenta la potenza di una storia struggente, che non può essere ignorata. La macchina da presa non invade lo spazio personale di Catherine, ma con umiltà si limita a seguirla, per ribadire una grande verità: la maschera del falso perbenismo non cade tanto facilmente, chi non si omologa è un faro nella notte.

Cosa vuoi fare?

Idee per il tempo libero

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Altri film nei dintorni

Troppa grazia

  • Uscita:
  • Regia: Gianni Zanasi
  • Cast: Alba Rohrwacher, Giuseppe Battiston, Elio Germano,...

Lucia è una geometra che vive da sola con sua figlia. Mentre si arrangia tra mille difficoltà, economiche e...

Scheda e recensioni

Nel frattempo, in altre città d'Italia...